Altro

Perché un blog?

L’abbiamo domandato a Nino Aprea, responsabile dell’Antico Cantiere del Legno Giovanni Aprea, figlio del famoso Mastro Cataldo che continua a gestire lo storico cantiere di Marina Grande di Sorrento. Dunque, perché un blog?

«Mio padre, e prima di lui mio nonno e mio bisnonno, ha sempre predicato non solo il valore delle tradizioni, ma anche del saperle trasmettere: grazie a questo, la nostra famiglia costruisce barche da oltre due secoli. Il nostro lavoro si tramanda e chi, come me e come mio figlio Cataldo, ha avuto la fortuna di impararlo fin da piccolo deve diffonderlo: è l’unico modo per non farlo scomparire. Soprattutto oggi, che è sempre più difficile trovare giovani che si appassionano a un mestiere antico, disposti a fare sacrifici per imparare.

Allora mi sono detto: la tecnologia informatica, i social, ci mettono a disposizione uno straordinario strumento di divulgazione. Usiamolo per raccontare il nostro lavoro, i progettisti del passato che impariamo a conoscere ristrutturando una loro barca, i piccoli/grandi segreti e le emozioni che questo mestiere regala. E facciamolo con un blog aperto, in modo che chi legge può rispondere e chi vuol farsi leggere può inviarci un articolo da pubblicare.

Lavoro con persone di straordinaria capacità: Giovanni Caputo è tra i massimi esperti di attrezzatura tradizionale, Stefano Faggioni è un architetto navale che ha firmato restauri prestigiosi, molti altri hanno nomi meno conosciuti ma la stessa, enorme competenza. Ė un peccato tenere il loro sapere ingabbiato tra le quattro mura del Cantiere: se con questo blog riusciremo a trasmettere solo il 10% della nostra passione, il mio scopo sarà raggiunto».

Federico Della Rovere
Yachting Library

 

Commenti