Restauri

Il restauro di Pianosa

L’operazione di restauro è terminata nel 2003, dopo otto mesi di intensi lavori eseguiti da Cataldo Aprea con i figli Nino e Raffaele, titolari dell’Antico Cantiere del Legno. Sono passati tredici anni, la barca è perfetta, ogni anno partecipa a raduni e regate di vela latina. Il restauro ha vinto numerosi premi, Pianosa, il gozzo sorrentino nato proprio nei cantieri Aprea negli Anni Quaranta, che svolgeva il compito di rifornire di derrate alimentari i detenuti dell’omonima isola dell’arcipelago toscano, è stata inserita tra i beni d’interesse culturale. Un prestigioso riconoscimento maturato sia perché è un raro esemplare di barca da lavoro, sia per l’accurato restauro, condotto con l’integrazione di tutte le parti mancanti con pezzi recuperati da barche coeve dismesse, grazie ad un paziente lavoro di ricerca.

Pianosa_rigging

Ne è nato un libro, che potete sfogliare nella sua edizione digitale cliccando qui.

Commenti